Case vuote: il nuovo eldorado dei cacciatori

La successione, lo spostamento o la necessità di spazio, sempre più persone scelgono di svuotare la casa per sgombrare rapidamente. Una pratica che ha avuto origine negli Stati Uniti ed è cresciuta nel nostro paese negli ultimi anni. Rifiuti domestici che attraggono cacciatori amatoriali e professionisti.
 

Svuotare completamente una casa appena ereditata, con i suoi mobili, ciondoli, piatti e un intero gruppo di oggetti accumulati nel corso della vita. Un lavoro lungo e noioso, tra lo smistamento, l’andata e ritorno al centro di raccolta rifiuti e la vendita di ciò che può essere. Quindi, per andare più veloce, alcuni non esitano più ad organizzare una vendita direttamente sul posto. Una giornata aperta durante la quale cacciatori amatoriali e professionisti sfileranno per cercare di trovare l’affare giusto o l’oggetto raro.

Pedro ha scelto questa formula per svuotare la casa dei genitori, con un pizzico nel cuore comunque, e soprattutto sorpreso dall’interesse dei compratori per alcuni pezzi.

Alcune cose ho detto che non sarebbe mai andato via e così è andato come statuette da collezione usati, grandi vasi di piante, o candele. Ho pensato che nessuno l’avrebbe comprato, beh, beh, ci sono persone che sono venute a comprare le candele. E’ strano. Pedro, organizzatore di una discarica domestica

Anche i rivenditori professionali di seconda mano offrono di organizzare questo servizio per una commissione. Infine, se hai oggetti di valore, mobili, luci o dipinti, puoi anche utilizzare un banditore che organizzerà un’asta in loco.

Per altri, questo mercatino delle pulci è un’occasione per risparmiare un po’ di spazio prima di fare qualsiasi lavoro o semplicemente per sbarazzarsi di oggetti che non sono più necessari. I cacciatori vagano di casa in casa per trovare la perla rara.

E tra loro ci sono professionisti che hanno capito che possono mettere le mani su pezzi rari o vecchi oggetti che sono tornati di moda. E molte persone sanno che a volte ci sono belle sorprese, soprattutto per quanto riguarda i mobili degli anni ’50 o ’60, che sono molto popolari da tempo e i cui prezzi sono altissimi. Trovarli in una discarica domestica è spesso la garanzia di averli ad un ottimo prezzo.

Tutti si stanno occupando della cosa.

Il fenomeno sta crescendo tra gli individui, ma non solo, si sta diffondendo anche in luoghi più inaspettati. Di recente abbiamo visto a Vannes i bidoni delle botteghe artigiane, i bidoni delle case e persino i bidoni delle scuole superiori, dove sono stati messi in vendita 400 oggetti, dai tavoli da disegno ai mobili, alle attrezzature sportive e agli armadietti per gli studenti.